path: home » ultime news

RASSEGNA STAMPA
10/12/2008

 
<

10-12-2008

AZIENDE PER UN RAPPORTO SOCIO-AMBIENTALE STILATO DAI SUOI DIPENDENTI NEL 2007 
 
Alla Eurosuole il Premio «Valore Lavoro Marche»
 
TRA LE DIECI aziende (scelte da una rosa di 27 su 210 candidature) a cui il governatore della Regione Gian Mario Spacca ha consegnato a fermo il premio “Valore Lavoro Regione Marche 2008”, c’è anche la civitanovese Eurosuole, premiata per il progetto di redazione e pubblicazione del Rapporto socio ambientale 2007, un documento scritto a più mani dai dipendenti dell’azienda con le evidenze di tutti gli aspetti e impatti aziendali.
Un rapporto sociale che illustra la vita aziendale con tutti i suoi risvolti su quella sociale del territorio. L’ambiente è una delle tematiche centrali del rapporto, inteso sia come ambiente interno che come rapporti tra dipendenti, politiche di lavoro e formazione e andamento infortunistico, sia come ambiente esterno, problematiche di prevenzione da inquinamenti, tutela del territorio, impegno nel sociale e rapporti con gli Enti istituzionali. L’obiettivo è far diventare l’azienda il primo soggetto interessato al documento, stake holder di se stessa; un’azienda autocritica che riesca a valutare aspetti positivi e negativi, usando il rapporto sociale come uno specchio.
La cerimonia di premiazione è stata inserita nell’ambito delle celebrazioni per la Festa delle Marche e si è aperta con una tavola rotonda dedicata ai temi del lavoro e alle imprese che hanno saputo innovare e gestire al meglio le risorse umane, imprese virtuose premiate dalla Regione con una convinzione comune: la crisi attuale non deve costituire un alibi per abbassare la guardia, ma una spinta all’innovazione e alla ricerca, leve competitive per superare la crisi stessa.

 

10-12-2008

Innovazione e ricerca, dieci imprese al top
Valore Lavoro, riconoscimenti ai titolari virtuosi. Su 210 candidature sono state 57 le aziende selezionate

FERMO - Coraggio, innovazione e ricerca: le imprese virtuose premiate dalla Regione. Un riconoscimento che rappresenta un incoraggiamento ad andare avanti. Il segreto? Puntare sull’inventiva e soprattutto sulle risorse umane. Sono loro la vera forza del made in Marche. La seconda edizione del premio Valore Lavoro si è svolta ieri pomeriggio a Palazzo dei Priori di Fermo: a Paolo Notari di Rai Uno è stata affidata la conduzione. Un evento che ha segnato ufficialmente l’avvio della Giornata delle Marche 2008.

Alla presenza del presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, del suo vice Paolo Petrini, della vice presidente del Consiglio regionale Stefania Benatti, del presidente di Confindustria Marche Federico Vitali e di tante altre autorità, sono stati consegnati i riconoscimenti ai titolari delle imprese più virtuose. Da una rosa di 57 aziende selezionate su 210 candidature, in maggioranza rappresentative di piccole imprese, la giuria, presieduta dall’assessore regionale al Lavoro, Ugo Ascoli, ha scelto le dieci vincitrici. Premiazione che è stata preceduta da una tavola rotonda moderata dalla giornalista Rai, Francesca Alfonsi. Argomento discusso “Innovazione e risorse umane: quale futuro per l’impresa marchigiana”. Protagonisti del dibattito l’imprenditore Sandro Coltrinari, in rappresentanza di Cna e Cgia. Non sono mancati gli spunti di riflessione di Marco Cucculelli, docente di Economia Industriale all’Università Politecnica delle Marche; di Paolo Labardi, imprenditore fermano che ha investito in Svezia; di Stefano Mastrovincenzo, segretario regionale della Cisl Marche, e di Claudio Spadon, rappresentante della Commissione Europea. Molti i temi analizzati: dall’esigenza di formazione qualificata alla sicurezza sul lavoro e ai nuovi modi di lavorare. E una sola convinzione per tutti: la crisi attuale non deve costituire un alibi per abbassare la guardia. Particolare attenzione è stata riservata anche a giovani e donne come soggetti deboli del mercato. Spacca ha ricordato come “questo Premio assume una valenza ancora più grande alla luce della fase recessiva che stiamo vivendo. In un momento così incerto è possibile attivare misure per promuovere innovazione e qualità nella gestione delle risorse umane. La storia economica delle Marche è stata tracciata da coloro che ora sono anziani, a loro è dedicata la Giornata”.

Ecco l’elenco delle vincitrici: Antrox srl di Ancona, settore illuminotecnica; Daino Shoes di Rapagnano, calzaturiero; Eurosuole spa di Civitanova, calzaturiero; Fattoria Petrini di Monte San Vito, olivicoltura; Gambini Meccanica di Villa Fastiggi, settore metalmeccanico; Inkarta di Fabriano, grafica pubblicitaria; Marcozzi, Campofilone, produzione di pasta all’uovo artigiana; Record Data, Fano, settore terziario dei servizi; Renergies Italia Urbisaglia, produzione di moduli fotovoltaici; Sigma, Altidona, settore metalmeccanico.
PAOLO PAOLETTI,

 

14-12-2008

Eurosuole, premiato il lavoro di squadra


CIVITANOVA - Nei giorni scorsi a Fermo, a palazzo dei Priori, il presidente della Regione Gian Mario Spacca ha consegnato alle dieci aziende risultate vincitrici da una rosa di 57 su 210 candidature il premio “Valore lavoro Regione Marche anno 2008”. Eurosuole è risultata vincitrice con il progetto di redazione e pubblicazione del rapporto socio ambientale anno 2007, un documento scritto a più mani dai dipendenti stessi dell’azienda con le evidenze di tutti gli aspetti e impatti aziendali. Un rapporto sociale che illustra la vita aziendale, con i suoi coinvolgimenti nella vita sociale del territorio.

L’ambiente è una delle tematiche centrali del rapporto: esso viene inteso sia come ambiente interno, rapporti tra i dipendenti, politiche di lavoro, formazione, andamento infortunistico, sia come ambiente esterno, problematiche di prevenzione inquinamenti, tutela del territorio, impegno nel sociale, rapporti con gli enti istituzionali. L’obiettivo è quello di far diventare l’azienda il primo soggetto interessato a tale documento, stake holder di se stessa; un’azienda autocritica che riesca a valutare aspetti positivi e negativi, usando il rapporto sociale come uno specchio. Il documento è una buona pratica aziendale volontaria, uno strumento di comunicazione e coinvolgimento non imposto da norme di legge e quindi ancor più significativo in momenti di recessione dei mercati globali come quello che stiamo vivendo.